È notte.

Neanche una stella.

Una di quelle che fanno sentire sicuri, una stella per desiderare di cambiare il proprio destino, arrischiandosi a viaggiare nell’oscurità pur di arrivare alla meta prescelta.

Niente. È tutto buio, così si può procedere solo alla cieca, sperando di non trovar qualche scoglio a squarciare la chiglia.

Il mare, sì, il mare era d’olio e la luna era salita su a bolla nel cielo, eppure si immergeva in lui vanitosa per idratarsi la pelle increspata di mille crateri.

La barca beccheggiava pigramente come stesse sonnecchiando… senza una luce nessuno sapeva dove andare, quindi tanto valeva…

Elisa Scalvenzi

Immagina un faro che guida le persone verso il benessere: questa è la sicurezza per me. Il mio nome è Elisa, faccio il formatore e amo scrivere cosa provo.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store